E' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE' sempre iE'

martedì 2 febbraio 2016

Nel silenzio della notte luci brillano vicino al Ponte Pietra. Verona.




venerdì 29 gennaio 2016

E' lecito, in nome della satira, offendere la memoria di un bambino innocente?


Recentemente il settimanale Charlie Hebdo ha pubblicato alcune vignette sulla vicenda del bambino annegato sulla spiaggia di Bodrum in Turchia, la cui morte ha commosso tutto il mondo. Un bimbo riverso sulla spiaggia con la sua bella t-shirt rossa, di cui sicuramente era fiero, pantaloncini blu come tanti altri bambini del mondo. Era un piccolo profugo siriano, Aylan, che con il padre e i suoi fratellini cercava una nuova vita, un futuro e la speranza di trovare pace in un altro mondo e invece, in una giornata di settembre, ha trovato la morte. 
La prima vignetta che ho visto, è che mi ha profondamente turbata e addolorata per l'insensibilità e l'esposizione alla volgarità, rappresenta il piccolo sulla spiaggia e un uomo che corre dietro a una donna per palpeggiarla con scritto "Che cosa sarebbe diventato il piccolo Aylan da grande? Un palpeggiatore di sederi in Germania."
La seconda vignetta con un clown ridente che dice "Due bambini al prezzo di uno".
Può la satira oltrepassare certi limiti? Può offendere la memoria di un bambino innocente? Cosa può provare il padre che ha perso i suoi figli?
Propongo a chi ha disegnato queste vignette di chiudere per un attimo gli occhi, di pensare a proprio figlio, nipote o figlio di un amico. Di immaginare che un giorno, non per sua volontà, di doversene andare, affrontare il mare e vedere proprio figlio così piccolo in un viaggio impensabile per noi. La paura, il freddo, un immenso mare e poi cadere in acqua trovarsi tra le onde e non saper reggere al mare che lo travolge, perdere i due figli che aveva in braccio, e ritrovarli lungo le rive della Turchia.
Immagini che questo possa essere suo figlio e poi di vederlo deriso in vignette satiriche giustificate da non si sà che cosa. Immagini l'offesa che hanno inferto, la profonda umiliazione al padre e alla sua famiglia. Alla dignità umana calpestata!
Dov'è la pietas, sentimento d'amore e compassione per le altre persone indipendentemente da dove provengono. Dov'è il rispetto?
Credo non ci sia capacità di empatia, perché altrimenti queste orrende vignette non troverebbero posto in un settimanale che, pur essendo di satira, dovrebbe porsi dei limiti. Solo perché la satira è tale non le dovrebbe essere concesso tutto! 
Dopo aver visto la vignetta ho cercato di dimenticare quel che avevo letto ma il pensiero mi girava in testa e dopo un po' è scesa una lacrima sul mio viso pensando a quel bimbo innocente a cui è stato attribuito un concetto a lui estraneo. Avrebbe potuto diventare uno scienziato, un insegnante o la persona, che incontrando un giorno per sbaglio, salvargli la vita o aiutarlo in un grave momento di difficoltà. Questo non lo sapremo mai perché una vita è stata stroncata e le si deve rispetto. Sentimento che non riesco ad avere per chi ha creato e ideato queste vignette. Questa non è libertà di espressione ma continue provocazioni che diventano fonte di rabbia incontenibile!


Immagini prese dal web.

mercoledì 20 gennaio 2016

Non vorrei mai scrivere fine sotto il disegno di due cuori. Amore in Piazza San Zeno a Verona.

Il piacere di rielaborare le foto con fotomontaggio e inserimenti di quadri famosi.
In questo post ho ripreso la bella immagine di due innamorati del dipinto
del "Il Bacio" di Francesco Hayez realizzato nel 1859
e li ho inseriti nella quotidianità della città di Verona e più precisamente

presso una trattoria in Piazza San Zeno.


Rielaborazione in Photoshop con il quadro del "Il Bacio" di Francesco Hayez e foto di trattoria in Piazza San Zeno.


Per te.

Non vorrei mai scrivere fine
sotto il disegno di due cuori.

Non vorrei mai scrivere fine
sotto la parola amore.

Non vorrei mai scrivere fine
sul retro di una tua fotografia
che ritrae il tuo viso
che sembra una poesia.

Vorrei il nostro amore senza fine
ed accettare con le rose anche le sue spine.

Edith 


Tratto dalle poesie di Edith





martedì 19 gennaio 2016

Sei la mia città, Verona ti chiami, lasciati dire una volta quanto ti amo.






Ti ho vista dall’alto
e mi sono commossa,
come sei bella,
sembri tutto a posto.

L’Adige assomiglia a un nastro d’argento,
che splende e brilla, si muove con il vento.

Le colline che invitano a sognare,
quanti segreti hanno da raccontare!

Parlano dei tempi che son passati,
i tuoi monumenti, i tuoi grandi palazzi.

Sei la mia città, Verona ti chiami,
lasciati dire una volta quanto ti amo.

Edith



Tratto dalle poesie di Edith


lunedì 18 gennaio 2016

Verona si illumina d'immenso. Carrellata nella città notturna.

Video che parte da Piazza San Zeno e la Basilica di San Zeno con 
gli alberi illuminati, a Castelvecchio, Piazza Bra, il Listone e
la Stella di Natale, Via IV Novembre e infine
Porta Vescovo con le sue sfere appese e il Video Mapping.






Ti potrebbero interessare: